Informazioni personali

Le mie foto
Donna.."folle" e innamorata della vita...democratica fin nel midollo, contraria ad ogni forma di violenza, di razzismo, di discriminazione e pregiudizio. Cocciuta all'inverosimile, passionale e "artista" per caso..per conoscermi un po' meglio, clicca su "About me".

giovedì 23 ottobre 2014

Crostata al cioccolato fondente, pere e nocciole


E vaiiiii !!!! E' arrivato l'autunno :) E son contenta io ! Oggi ci sono 10° e io, finalmente, ho potuto indossare qualcosa di diverso della solita t-shirt :) Vabbè, non voglio esagerare, non ho solo t-shirt nell'armadio...però mi mancava la sensazione di qualcosa di più consistente sulla pelle. E oggi, infatti, mi sono buttata addosso strati su strati di cose...devo recuperare :) Siamo già a giovedì, e la mia sensazione è che questa settimana sia volata. I giorni son passati più veloci della luce e ora, a dirvela tutta, aspetto con impazienza il weekend. Tanti programmi in mente, tante cosine da fare...e non vedo l'ora di cominciare a mettere le mani in pasta. Nonostante l'insonnia e i ritmi frenetici che accompagnano costantemente le mie giornate, mi sento frizzantina, carica, piena d'energie...Ecco, mi sento di buonumore. Sono due giorni che mi sento proprio bene, come se avessi fatto una cura di antiossidanti. Mi alzo con il sorriso e mi immergo nelle canzoni che mi trasmettono allegria, nelle scene dei film che mi piacciono...in letture stimolanti. Mi rifugio nelle parole confortanti delle mie dolci amiche, che mi tengono compagnia tutti i giorni ( Berry e Valentina , rigorosamente in ordine alfabetico) e poi, mi lascio trasportare da pensieri che mi fanno star bene. Sono nella mia fase "solare"...e finalmente, direi ! Ci sto bene in questa dimensione. Tutto mi sembra possibile. Tutto mi sembra fattibile..un po' come quando la ruota riprende a girare dopo un periodo un po' buio, cupo, nero.  Questo momento di "gloria" me lo voglio godere tutto, fino in fondo. Ogni singolo istante, ogni singola sensazione, ogni singola emozione. E allora, cosa c'è di meglio di un buon dolce per continuare a coccolarsi e volersi bene ? Un dolce che tanto per cambiare contiene il mio ingrediente preferito : il cioccolato ! Un dolce ricco, corposo, "scioglievole" e croccante insieme. Un dolce che davvero si lascia mangiare molto, ma molto volentieri. Potrebbe essere una bella idea per le vostre coccole da weekend, che ne pensate ? E visto che gli articolo 31 continuano a rallegrare le mie giornate, oggi vi beccate "L'impresa eccezionale"...scommettiamo che diverte anche voi ? 

 


Ingredienti
Per una tortiera da 26 cm di diametro
Per la frolla
250 g di farina
125 g di burro salato appena morbido
125 g di zucchero
1 uovo
1 tuorlo
2 cm di zenzero grattugiato
Per la crema al cioccolato
200 g cioccolato fondente
195 g latte
180 g panna fresca
60 g di zucchero
30 g di fecola
3 tuorli
Per le pere
3 pere williams o abate
600 g di acqua
150 g di zucchero
Per la finitura 
2 manciate di nocciole

Preparazione
Preparate la frolla mettendo in una ciotola la farina, lo zucchero, lo zenzero grattugiato, le uova e il burro a tocchetti. Lavorate tutto con la punta delle dita, fino a formare un impasto omogeneo e compatto. Formate una palla, appiattitela appena, avvolgetela nella pellicola e fate riposare per almeno un'ora in frigorifero. Prendete le pere, sbucciatele e adagiatele in una pentola dai bordi alti, aggiungete l'acqua e lo zucchero e mettete sul fuoco, a fiamma media. Fate cuocere fino a quando le pere non saranno diventate morbide ( verificatene la consistenza infilzandole con una forchetta). Spegnete il fuoco e lasciatele raffreddare nel loro sciroppo. Una volta raffreddate, scolatele dallo sciroppo, tagliatele a metà e privatele del torsolo. Decidete voi se per la decorazione della crostata preferite lasciarle tagliate a metà ( come ho fatto io ) o se preferite affettarle. Per la crema al cioccolato mettete in un pentolino la panna e il latte, trasferite su fiamma bassa e fate intiepidire appena, intanto lavorate in una ciotola, con l'aiuto di una frusta, i tuorli con lo zucchero e la fecola. Fateli diventare chiari e spumosi, aggiungeteci il latte e la panna, mescolate con la frusta, trasferite tutto nuovamente nel pentolino e rimettete su fiamma bassa, mescolando continuamente. Quando noterete che la crema comincia a velare il cucchiaio, aggiungeteci il cioccolato ridotto in piccoli pezzi, fatelo sciogliere bene, e fate addensare la crema. Una volta pronta, toglietela dal fuoco, copritela e lasciatela raffreddare completamente. Accendete il forno a 190 gradi. Prendete la tortiera, imburratela e infarinatela, adagiate al centro il panetto di pasta frolla e allargatelo delicatamente con le mani, fino a rivestire uniformemente la tortiera ( fondo e bordi), bucherellate tutto con una forchetta, e trasferiteci dentro la crema, livellatela con il dorso di un cucchiaio, decorate con le pere e poi con le nocciole triturate grossolanamente. Infornate per circa un'ora. Sfornate il dolce e lasciatelo raffreddare completamente prima di sformarlo e servirlo.


lunedì 20 ottobre 2014

Rigatoni al ragù, con crema speziata di zucca e asiago

Iniziare la giornata guardando su YouTube la scena di "Chiedimi se sono felice", in cui Aldo cerca di istruire Giacomino su Teorema di Marco Ferradini, non ha prezzo. " Prendi una donna ? Trattala male. Cerca di essere ? All'altezza della situazione ? Fuori dal letto ? Nessuno è perfetto." ! Ahahahaha...mi fanno morire. Da un po' di tempo a questa parte, ho preso l'abitudine, appena sveglia, di guardare o ascoltare qualcosa che sia in grado di condizionare positivamente il mio umore e di donarmi quella giusta dose di spensieratezza ed allegria indispensabili per affrontare nel migliore dei modi la mia giornata. Della serie : Energia Positiva vieni a me! E devo dire che funziona. E se a questo ci aggiungete che i colori dell'alba di stamattina avevano qualcosa di straordinario, ecco che questa giornata non potrà che essere fantastica (xxx). E poco importa che io sia reduce da una nottata pressoché insonne...mi sono addormentata con difficoltà, svegliata e alzata più volte. Dalle 4,30 in poi è stata una tragedia. Ho cambiato 3000 posizioni, mi sono coperta, scoperta, ho contato greggi e greggi di pecore, ho pensato al mare, ai monti, a Londra...mi sono rivista sulla barchetta a remi nel laghetto di Versailles, tra le case bianche di Santorini. Insomma, non c'è stato nulla da fare. Ma poi, finalmente, ecco che ho visto un po' di luce, così mi sono alzata. La sensazione che ho ora è un po' quella di aver già fatto giornata, ma tra un po', spero di riprendermi. Devo necessariamente riprendermi perché la giornata è lunga, e temo che contro il sonno, anche tutta l'energia positiva di questo mondo possa poco. Ma io sono fiduciosa, come sempre. Oggi ero indecisa se iniziare la settimana con una ricetta dolce o salata...poi ho optato per il salato. Un'altra ricetta con la zucca. Zucca che ultimamente sto mettendo ovunque ( si era capito che mi piace ?? ). E' un primo piatto ricco, saporito, gustoso e con un bel carattere. Uno di quei piatti che piace a tutti e che trasforma il ragù in qualcosa di insolito e particolare. Provatelo, e fatemi sapere che ne pensate :)
Bene...ora direi che è giunto il momento di darmi una mossa, il tempo fugge, e io, ho ancora tante cose da fare...ma giuro che preferirei rimanere qui a chiacchierare con voi. Un abbraccio e felice giornata ! Oggi ho voglia di lui, di James Blunt, e in particolare di You're Beautiful.

 Casseruola rotonda in ghisa LE CREUSET



Ingredienti per 4
400 g di rigatoni ( possibilmente di Gragnano )
grana padano q.b. a piacere
Per il ragù
300 g di macinato misto vitello maiale
15 g di funghi porcini secchi rinvenuti in acqua
80 g di carote ( peso al netto degli scarti)
80 g di zucca ( peso al netto degli scarti)
1 cipolla rossa
2 cm di zenzero
1 manciata di uvetta
una decina di nocciole
una decina di mandorle
i gherigli di 3/4 noci
un rametto di rosmarino
1 bicchierino di marsala
1 tazza di brodo
1 cucchiaino di zucchero
peperoncino q.b.
sale q.b.
olio evo
Per la crema di zucca e asiago
350 g di zucca ( al netto degli scarti)
60 g di asiago
1 cucchiaino di curry
1 cucchiaino di paprika dolce
1 cucchiaio di miele
sale q.b.
acqua q.b.
latte q.b.


Procedimento
Mettete nel cutter i porcini ben strizzati, la carota, la zucca, la cipolla, lo zenzero, l'uvetta, i tre tipi di frutta secca, il rosmarino e il peperoncino. Sminuzzate tutto finemente. Prendete una pentola dai bordi alti, metteteci dentro l'olio e una volta caldo, aggiungeteci il battuto, fate rosolare per 5/7 minuti su fiamma media, mescolando spesso, aggiungete la carne e fatela rosolare appena, salate, aggiungete lo zucchero e il marsala; fatelo evaporare, e poi, aggiungete il brodo. Coprite e fate cuocere per un'oretta o poco più, fino a quando il ragù non sarà diventato bello denso. Se necessario, aggiungete altro brodo. Per la crema di zucca e asiago, tagliate la zucca a cubetti, mettetela in un pentolino, copritela a filo con pari quantità di latte e acqua, salate, aggiungete il curry e la paprika e fate cuocere fino a quando non sarà diventata bella morbida. Trasferite tutto nel bicchiere del frullatore ad immersione, e riducetela in crema con il frullatore ad immersione. Aggiungete l'asiago e il miele e lavorate ancora, fino ad ottenere una crema completamente liscia. Tenetela in caldo. Cuocete la pasta, scolatela al dente, rimettetela nella pentola e conditela con il ragù, rimettete su fiamma bassa per uno/due minuti, se necessario, aggiungete un po' dell'acqua di cottura. Aggiungete parte della crema di zucca e asiago, mescolate bene, impiattate e servite con altra crema a parte e grana padano, affinché chi lo desidera possa aggiungerne.

Casseruola rotonda in ghisa LE CREUSET



sabato 18 ottobre 2014

La mia colonna sonora di oggi ( e anche di ieri e dell'altro ieri )...Il Funkytarro

Sono in una delle mie fasi di "ossessione" musicale. Mi sono infilata in un tunnel alquanto stravagante, fatto di trash e di ricordi. Ho nella testa una specie di minestrone musicale dal quale non riesco a riemergere. Mi sembra di affogare in un passato di verdure ! Sarebbe necessario rimettere un po' di ordine, ma proprio non ci riesco. Dopo il tormentone del Pop Porno,  ecco che è ritornato prepotentemente il Funkytarro ( che giuro, ha la capacità di rimettermi al mondo), con cui ho iniziato anche la mia giornata di oggi...e con lui, tantissimi altri pezzi degli articolo 31 ( Gente che spera, Ti amo o ti ammazzo, Piccoli per sempre, Domani...). E accanto agli articolo 31, chi troviamo ? Ahahahah ! Già rido..Ieri, ho ripescato l'unica canzone di Pino D'Angiò che conosco, Ma quale idea. Era il 1980, e io, come quasi ogni sabato mattina, ero a fare un giro nel centro di Milano con il mio papà. Tappa fissa ? Un negozio di dischi che si trovava in una  stradina parallela di Corso Vittorio Emanuele...siamo entrati, e indovinante un po' ? Stavano suonando proprio questo disco...lo abbiamo comperato, e credo di averci impiegato solo qualche ora ad impararlo completamente a memoria. Immaginate una bambina di 8 anni che canta : " L'ho beccata in discoteca con lo sguardo da serpente, io mi sono avvicinato lei già non capiva niente..". Il bello è che questo disco lo conosco a memoria ancora oggi...eh...se solo avessi avuto la stessa capacità di imparare a memoria anche tutti i libri di diritto che mi sono studiata all'università, avrei fatto decisamente mento fatica...vabbè. Che poi, l'ho sempre ammesso di avere un orecchio democratico, così come non ho mai fatto misero di essere dissociata e anche un po' bipolare ;) 



E ora, ascoltatevelo tutto fino in fondo, perché ci tengo, e perché secondo me, metterà di buonumore anche voi !