Informazioni personali

Le mie foto
Donna.."folle" e innamorata della vita...democratica fin nel midollo, contraria ad ogni forma di violenza, di razzismo, di discriminazione e pregiudizio. Cocciuta all'inverosimile, passionale e "artista" per caso..per conoscermi un po' meglio, clicca su "About me".

domenica 23 novembre 2014

#purelove


"Un ponte lascia passare le persone
un ponte collega i modi di pensare
un ponte chiedo solamente
un ponte per andare andare andare"
Fabi-Silvestri-Gazzè - Life is sweet

Ho visto questo video per la prima volta venerdì sera. Ero dalla mia estetista, distesa sul lettino, e avevo tutta la faccia impiastricciata da una maschera di bellezza alle alghe di "non so che". Cercavo qualcosa da fare per ingannare il tempo. Di chiudere gli occhi e rilassarmi non mi riusciva, perché avevo la testa piena dei miei soliti ritornelli di pensieri. Così, cercavo qualcosa che potesse aiutarmi a rallentare un pochino. Mi sono messa a gironzolare su FB, quando sono stata attratta da un titolo : "Che cos'è l'amore. Le risposte dei bambini lasciano senza parole". Incuriosita, ci ho cliccato sopra, ed ecco che mi è apparso il video. Appena ho cominciato a guardarlo, sulle mie labbra è apparso un sorriso ebete...e poi, mi sono commossa. Mi sono commossa per la spontaneità di questi bambini...per le loro parole..per le espressioni dei loro visi, e per gli atteggiamenti assunti dai loro corpi. Per il loro modo così semplice e naturale di parlare di un sentimento così incasinato e pieno di infinite sfumature come l'amore. Sono 2 minuti e 35 secondi che vale la pena guardare e magari condividere. Non ve ne pentirete :) Io l'ho guardato e riguardato, e ho cercato di trovare piccoli pezzettini di me, di quando ero bambina, in ciascuno di loro. Ognuno di loro ha un qualcosa di speciale che mi ha colpita per motivi differenti. La biondina, quella che apre il video, è la mia preferita. E' un peperino...Ma non voglio rovinarvi la sorpresa...buona visione e buona domenica :)



"E' una cosa forte, bella e super carina...è più bella dell'amicizia !"
...disse la bambina dai capelli biondi :)



E se avete voglia di rimanere ancora un po' con me, nel mio mood, ascoltatevi questa canzone...Life is sweet

venerdì 21 novembre 2014

Creme al mascarpone e caffè con salsa al cioccolato, cerali croccanti e nocciole

Sarò monotona, ma davvero io con questo tempo ( inteso come insieme cronologico degli eventi), non ci capisco più niente. Stamattina mi sono alzata prestissimo per far pipì e ho pensato : "vai che è sabato!". Ma la convinzione, mista a gioia ed esaltazione è durata un attimo, perché ci ho impiegato davvero un nanosecondo per rendermi conto di aver preso un granchio...cacchio ! Oggi è venerdì ! Ad attendermi un'altra giornata intera di lavoro con annessi e connessi. Ma che cavolo succede ? Il tempo continua a passare un po' come gli pare, o forse, sono io che lo sento passare in maniera anomala. Le giornate, mentre le vivo, mi sembrano lunghe ed interminabili. Poi, quando passano, mi sembrano quasi volate. Non mi ci oriento più. Sarà il sintomo di qualche nuova forma di pazzia ? E vabbè. Quella appena trascorsa è stata, tuttavia, una settimana un po' insulsa. Di quelle che non ti lasciano un granché. Umore ballerino, tante cose da fare ( molte noiosissime), intoppi vari (tra cui una gomma forata), l'osteopata che mi ha torturata a dovere ( ma in compenso sto già molto meglio), e un po' di stanchezza cronica ( mentale e fisica) associata ad una voglia esagerata di fancazzismo ( voglia che per ovvie ragioni, non mi è stato possibile assecondare). Insomma, per dirvela tutta, i momenti migliori di questa settimana sono stati quelli che ho trascorso sotto la doccia. Già...non so voi, ma io, sotto la doccia, ci resterei in eterno ( se non fosse che sono una molto attenta all'ambiente e al risparmio energetico e quindi, evito gli inutili sprechi d'acqua). Però, ecco, i miei momenti sotto la doccia sono fantastici. La doccia è la mia fonte d'ispirazione preferita. Penso, parlo tra me e me, e mi faccio certi discorsi nella testa ( con l'interlocutore immaginario di turno), che farebbero impallidire Robert Kennedy e il suo famosissimo discorso sul PIL. Quello in cui pronunciò la famosa frase : "Il PIL misura tutto tranne ciò che rende meritevole la vita di essere vissuta". Che sia chiaro, nella mia capuzzella non mi faccio discorsi sull'economia...quanto piuttosto discorsi assai filosofici sul senso della vita, sulle relazioni umane, sui rapporti difficili e su amenità assortite. E diciamo che ogni tanto, ecco, mando anche qualcuno proprio lì dove meriterebbe di essere mandato. E già...perché nella mia testa tutto ha una logica che fila. Tutto quadra alla perfezione. Le mie teorie, sono incontrovertibili e i miei interlocutori, rimangono sistematicamente senza parole ! La mia dialettica è perfetta, talmente perfetta che io, nella doccia, dovrei cominciare a far pensieri ad alta voce e magari registrarli. Potrebbero venir fuori cose davvero interessanti :) E dopo aver riletto tutto ciò che ho scritto, ecco che mi rendo conto di essere veramente fuori come un vaso di fiori...l'avete capita ?? Sono fuori di testa, come i vasi di fiori che vengono tenuti fuori, sui balconi...ecco ! Ahahahah ! E dopo quest'ultima perla, forse è meglio parlare di cibo, e in particolare di dolci. Perché la ricetta che vi lascio, è proprio quella di un dolce-coccola. Io adoro le creme, per la loro consistenza soffice e vellutata. Sono dolci che mi rendono sempre felice. Qui, se vogliamo, ho voluto ricreare la sensazioni di un tiramisù. La crema è a base di mascarpone, però ci ho aggiunto del caffè. E per richiamare il cacao, ho preparato una salsa al cioccolato che è sublime. Già vi dico che qualora dovesse avanzarvi, potete trasferirla in un barattolo di vetro, coprirla e conservarla a temperatura ambiente per qualche giorno. Acquisterà la consistenza della nutella e potrete spalmarla su biscotti, pane o fette biscottate...è una meraviglia :) Per completare il dolce, ho pensato ad una nota croccante data dai cereali e dalle nocciole, ma ovvio che potete sbizzarrirvi come meglio credete. Coccolatevi anche voi, ne vale la pena :)
Per oggi è tutto, buon weekend e per voi Until you let me..questa canzone per me è stato amore al primo ascolto :)


Ingredienti per 4/5 creme
Per le creme
250 g di mascarpone
50 g di panna fresca
1 uovo
1 tuorlo
50 gr di zucchero
1 cucchiaino di maizena
3 cucchiaini di caffè liofilizzato
Per la salsa al ciocolato
100 g di cioccolato fondente
50 g di panna fresca
50 g di latte 
mezzo cucchiaio di zucchero
1 pizzico generoso di sale
una macinata di pepe nero
1 noce di burro
Per la finitura
cereali
nocciole

Procedimento
Per le creme, accendete il forno a 160°. Mettete il mascarpone in un pentolino insieme alla panna e ai 3 cucchiaini di caffè liofilizzato, lavorate con una frusta, mettete su fiamma bassa e scaldate appena. Spegnete e lasciate raffreddare. Mettete in una ciotola l'uovo, il tuorlo, la maizena e lo zucchero e lavorateli con una frusta fino ad ottenere un composto gonfio e chiaro. Aggiungete la crema al mascarpone e lavorate fino ad ottenere un composto omogeneo.
Trasferite la crema in vasetti di vetro o in tazze. Adagiate i vasetti in una teglia da forno e riempitela con acqua bollente fino a metà altezza dei vasetti. Infornate per circa 40 minuti, cosi da farle addensare. 
Tiratele fuori dal forno, fate raffreddare a temperatura ambiente per 30 minuti, e poi ponete in frigo per almeno 4 ore. 
Per la salsa al cioccolato, sminuzzate il cioccolato e mettetelo insieme a tutti gli ingredienti indicati in un pentolino antiaderente. Mettete su fiamma bassa, e mescolando continuamente con un cucchiaio di fate sciogliere tutto fino a ad ottenere una crema perfettamente liscia e lucida. 
Servite le creme con la salsa al cioccolato e a piacere completate con cereali e nocciole tostate.

 
 

lunedì 17 novembre 2014

Pane scuro senza impasto con birra e yogurt


Buon lunedì :) Spero che il vostro weekend sia andato proprio come lo volevate. Io sono stata bene, in letargo. Non mi sono mossa da casa. A tratti non si capiva dove finivo io e dove cominciava il divano :) Mi sono riposata tantissimo. Ne avevo davvero bisogno, e sono felice di esserci riuscita. Ieri pomeriggio ho dormito quasi 3 ore. Quando ho riaperto gli occhi, mi sentivo disorientata. O meglio, ho faticato ad aprire gli occhi e a svegliarmi. Vi capita mai ? Mi sembrava quasi di non avere il controllo su me stessa. E' una sensazione che a me non piace. In passato, quando non soffrivo di disturbi del sonno, mi capitava più spesso...Ti senti paralizzato. Il tuo cervello manda impulsi che però non vengono recepiti dal tuo corpo. Tu vorresti aprire gli occhi e svegliarti, ma il tuo corpo non te lo fa fare...non risponde ai comandi. E' davvero strana come cosa...evidentemente ero proprio stanca. Oggi inizia una nuova settimana e io, nel pomeriggio, giusto per non farmi mancare nulla, ho appuntamento con il mio torturatore di fiducia...il mio osteopata. La mia cervicale necessita di una bella revisione. Non vedo l'ora di andarci. Fortunatamente sto meglio, ma so che dopo una seduta con lui, le cose miglioreranno ulteriormente. Se verso le 15,30 se sentite qualcuno urlare e imprecare non fateci caso, sono io...ahahahha ! Vabbè...cambiamo discorso e parliamo di cibo. Ma da quanto tempo non pubblicavo la ricettina di un buon pane ? Per prepararlo ho utilizzato la tecnica del pane senza impasto, solo che poi, prima della seconda lievitazione, ho praticato più pieghe di rinforzo e l'ho cotto direttamente in forno, senza trasferirlo nella pentola. Il risultato è sotto ai vostri occhi. Una crosta spessa e croccante e una mollica soffice e leggera. Non vi dico quant'è buono condito con olio, sale e pepe...
Che si fa ?? Lo prepariamo ?? Per oggi è tutto. Vi saluto e vi auguro un buon inizio settimana. E che sia una settimana senza stress :) Un abbraccio circolare a tutti ! Per voi una canzone bella, bella, bella...When tomorrow comes...ossessione degli ultimi giorni :)


Ingredienti per un pane piccolo
300 g di farina 0
100 g di farina ai 7 cereali
1 cucchiaio di farina di segale integrale + quella per la spianatoia
1 g di lievito secco
150 g di yogurt greco
200 g di birra rossa doppio malto
1 cucchiaio di miele
8 g di sale


Procedimento
Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola, e mescolateli con un cucchiaio di legno fino a farli stare insieme. Otterrete un impasto umido ed appiccicoso. Coprite la ciotola con pellicola o con il suo coperchio, e lasciate lievitare, a temperatura ambiente, in un luogo al riparo da spifferi, per circa 12-18 ore. L'impasto, al termine della prima lievitazione, dovrà risultare raddoppiato nel volume e pieno di bollicine. Cospargete il piano di lavoro con farina di segale integrale, rovesciateci sopra l'impasto e con le mani infarinate, date delle pieghe di rinforzo, dall'alto in basso, da destra verso sinistra, da sinistra verso destra e poi dal basso verso l'alto. E ripetetele ancora. Date all'impasto la forma di un filoncino e trasferitelo in un cestino per la lievitazione, foderato con un canovaccio di cotone cosparso generosamente di farina. In mancanza, lasciatelo lievitare sul piano di lavoro, sempre cosparso di farina e coperto con un canovaccio. Fate in modo che la piega dell'impasto rimanga verso il basso. Cospargete con altra farina, coprite con il canovaccio e lasciate lievitare in luogo riparato per altre due ore. L'impasto sarà pronto quando sarà quasi raddoppiato di volume e quando premendo con un dito dovrebbe rimanere l'impronta. Se scompare subito lasciate lievitare per altri 15/20 minuti. Mezz'ora prima del termine della seconda lievitazione, scaldate il forno a 250°. Una volta raggiunta la temperatura, prendete una teglia da fono, rivestitela di carta forno e rovesciateci sopra l'impasto, praticate delle incisioni, e infornate per circa 30/40 minuti. Se necessario, durante la cottura, giratelo. Fate diventare il pane dorato e croccante. Sfornatelo e lasciatelo raffreddare su una griglia.